Menu

 

Pikniq è il primo e l’unico laboratorio gastronomico con piccolo ristoro in Italia a proporre ricette originali a base di verdure di stagione, materie prime biologiche e a km zero, ma soprattutto a base di cibo selvatico (erbe, fiori, bacche, radici, tuberi, etc.) raccolto a mano in luoghi il più possibile incontaminati.

Il cibo selvatico ha una microstagionalità molto più marcata rispetto alle verdure cui siamo abituati, pertanto il menù può variare anche ogni settimana sulla base della disponibilità di ciò che Madre Natura ci offre giorno per giorno.

Il menù verrà aggiornato giorno dopo giorno a seconda della raccolta di cibo selvatico effettuata e pubblicato qui sul sito e sulla pagina Facebook.

3 Comment

  1. antonella says: Rispondi

    Cucina e piatti proposti ECCELLENTI!
    La chef gentile, disponibile e competente. Ogni piatto una scoperta! Arricchita da dettagliate spiegazioni riguardo la preparazione e l’utilizzo degli inusuali ingredienti.
    Vi consigliamo di provare.

    Antonella e Luca.

    1. Grazie Antonella e Luca! Ci fa molto piacere abbiate apprezzato!
      A presto,
      Eleonora

  2. Oriana says: Rispondi

    Sabato scorso ho fatto una scoperta ME-RA-VI-GLIO-SA: i sapori del Paradiso esistono anche in Terra e si trovano al Pikniq di Monza!!!
    Mangiare le preparazioni di Eleonora è quanto di più vicino alle fiabe si possa immaginare. Tutti i cibi, e anche le bevande, hanno connotazioni uniche, aromi inenarrabili e sapori celestiali.
    Nelle mie molteplici esperienze di cuoca vegana vagabonda irrecuperabile -passo molti mesi dell’anno all’estero- non ho mai, SOTTOLINEO MAI, provato nulla di così buono.
    Mi sono deliziata con entrèe dai sapori di bacche fruttate e potatissalad occhieggianti al grande nord, con lasagne insaporite da aromi selvatici e dalle ultime verdurine stagionali, scrigni di sfoglie salate, verdurine con gratin inimmaginabili, focacce e crackers con farine dai sapori di boschi incantati (ovviamente gluten free) con retrogusti di fiori autunnali, e per finire , l’apoteosi dei dolci! Una foresta nera da cui non avrei mai voluto uscire, strudel di pere tardive caramellate dal sole, millefoglie che lasciavano stupefatti.
    C’è solo un unico modo per verificare che io non sia una visionaria: andare a Monza ad incontrare Eleonora, ascoltarla raccontare delle sue infinite conoscenze e godere di questi preziosi regali.
    Grazie al Cosmo per essere così generoso!

Rispondi a Pikniq Annulla risposta