• eventi
  • Verdure e erbe selvatiche lattofermentate

    fermentazione selvatica Pikniq

    La fermentazione è stato il primo metodo di conservazione del cibo per secoli, molto prima che ogni famiglia occidentale potesse permettersi un frigorifero, e prima ancora che l’inscatolamento meccanizzato diventasse la norma per la conservazione.
    Aceto, vino, crauti, yogurt etc. sono tutti prodotti dell’acidificazione, dovuta all’acido lattico o a quello acetico, che non permette a tossine e batteri patogeni di sopravvivere.
    Questo rende sicuro il cibo fermentato.

    Anche gli alimenti fermentati possono deperire, per cui se le verdure e le erbe selvatiche sono molli o si sfilacciano è preferibile gettare tutto (anche se si spera che le verdure vengano consumate in breve tempo!).

    Le verdure e le erbe selvatiche lattofermentate vanno consumate crude e a temperatura ambiente o appena tolte dal frigo. La cottura disattiva i fermenti; ciò non toglie che si possano scaldare a bassa temperatura, ma nella dieta vadano sempre inseriti cibi lattofermentati crudi per poter ottenere il meglio dagli enzimi e dai probiotici.

    Gli alimenti fermentati sono molto nutrienti e facili da digerire rispetto agli stessi ingeriti crudi o cotti.
    Sono così nutrienti per via dei microrganismi benefici coinvolti nel processo di fermentazione, che aggiungono enzimi vivi, vitamine del gruppo B e proteine.

    La fermentazione aumenta anche la biodisponibilità dei minerali presenti nel cibo, aiutando così l’organismo ad assorbire più nutrienti. I microrganismi scindono le proteine complesse, i carboidrati e i grassi in molecole più facilmente assimilabili; inoltre, dato che la flora intestinale ha un ruolo chiave nell’assorbimento, l’organismo riuscirà ad immagazzinare la quantità massima di nutrienti, evitando le carenze.

    Gli alimenti fermentati sono molto digeribili sia per via dei batteri benefici che predigeriscono il cibo, sia perché la fermentazione aggiunge enzimi utili al processo digestivo, così il nostro stomaco non dovrà lavorare troppo. Possiamo affermare, quindi, che favorire la digestione e l’assorbimento e accrescere il potere nutritivo sono le caratteristiche salutari più note degli alimenti fermentati.
    Ad ogni modo, poiché il processo di fermentazione e quello che avviene nell’intestino durante la digestione sono molto più complessi e correlati tra loro, ne derivano ulteriori benefici per la salute.

    Oltre che aiutare la digestione, i batteri che producono acido lattico presenti negli alimenti fermentati modificano il pH degli organi, e un pH equilibrato è da sempre associato a una vita lunga e in salute.
    Inoltre, questi batteri creano acidi grassi Omega 3, fondamentali per il funzionamento del sistema immunitario, che ci portano a un altro importante beneficio degli alimenti fermentati: rafforzano le difese immunitarie. Del resto, l’80% del nostro sistema immunitario risiede nelle pareti dell’intestino.
    In un’epoca in cui gli antibiotici sono prescritti di frequente (cosa di cui risente la flora batterica) consumare cibi fermentati aiuterà a ripristinare la microflora dell’apparato digerente.
    I batteri buoni facilitano anche l’eliminazione delle tossine derivanti dal cibo e dall’ambiente, spazzando via anche i radicali liberi.

    Il principio alla base del metodo di fermentazione delle verdure e delle erbe selvatiche (e bacche, radici, tuberi, etc.) è che queste devono essere immerse in un liquido: in questo modo i batteri propri dei vegetali attiveranno il processo di fermentazione. I batteri produttori di acido lattico creano un ambiente acido nel quale gli organismi indesiderati, come anche il botulino, non possono sopravvivere, proteggendo così le verdure dal deperimento.

    Il consumo di cibi fermentati evita anche le carenze di vitamina C e fornisce altri nutrienti essenziali per una dieta bilanciata.

    In molti si chiedono: “Posso mangiare verdure lattofermentate se sono intollerante al lattosio?”
    La risposta è sì: le verdure lattofermentate non contengono lattosio. Il lattosio è uno degli zuccheri del latte, mentre latto- di lattofermentate si riferisce all’acido lattico prodotto dall’azione dei lattobacilli.

    ***

    Per maggiori informazioni e per scoprire il mondo della lattofermentazione con le erbe selvatiche domenica 22 gennaio 2017 ci sarà un corso dedicato all’argomento presso Pikniq in via Dante Alighieri 39.
    Per il programma e i dettagli info@pikniq.com o 3477523337 (anche Whatsapp) o Facebook alla pagina dell’evento

  • eventi
  • Le Selvatiche d’Autunno – domenica 30 ottobre 2016

    le selvatiche d'autunno - pikniq

     

    Riconoscimento e raccolta di erbe selvatiche nel bosco alla vigilia di Samhain o Halloween, notoriamente il momento dell’anno in cui il “velo” tra mondo dei vivi e mondo dei morti è più sottile e le energie sono più forti.
    Impareremo a riconoscere i sosia tossici di erbe comunemente utilizzate in cucina e in fitoterapia.
    Corso adatto a principianti per una raccolta sicura e con la cognizione di piante non edibili e pericolose grazie anche a leggende antiche e al folklore di matrice indoeuropea che accomuna tutti i popoli dalla notte dei tempi.

    Costo a persona Euro 45,00 per quattro ore nel bosco incluso spuntino vegan & wild al sacco offerto da Pikniq.
    Il corso si svolgerà comunque anche in caso di maltempo.
    Pikniq non è responsabile per eventuali disattenzioni o errori comportamentali durante l’uscita.
    Si consiglia un abbigliamento comodo e scarpe da trekking, un impermeabile con cappuccio per evitare ombrelli.
    Al termine del corso verrà fornita regolare ricevuta di pagamento nonché una dispensa in .pdf con le schede dettagliate delle erbe analizzate e relative ricette, così come schede dettagliate sulle piante tossiche.
    Il corso si terrà al raggiungimento del numero minimo di partecipanti.
    Il termine massimo per la disdetta di eventuale prenotazione è tre giorni prima.

    Per informazioni e prenotazione obbligatoria mail info@pikniq.com

    Vi aspettiamo domenica 30 ottobre dalle 10:30 alle 14:30!

  • alchimia dei semplici
  • Alchimia dei Semplici – domenica 23 ottobre 2016

    Alchimia dei Semplici Pikniq

    Un pomeriggio per ascoltare la voce delle Erbe e imparare a trasformarle per il tuo benessere.

    Domenica 23 ottobre 2016 dalle 14:30 alle 18:30 presso Pikniq in via Dante Alighieri 39 a Monza un pomeriggio per ascoltare la voce delle Erbe Selvatiche e imparare a trasformarle per il tuo benessere insieme a Cecilia Lattari, erborista.

    Le piante hanno una loro voce: parla direttamente alla nostra parte più autentica.
    Il richiamo delle Erbe Selvatiche e delle loro preparazioni è insieme antico e moderno: vedremo insieme come è semplice realizzare alcuni preparati naturali che potrai utilizzare per stare bene.
    Affronteremo alcune piante curative, seguendo gli elementi primordiali: Acqua, Fuoco, Terra, Aria.
    Per ogni elemento vedremo una pianta curativa e un preparato erboristico: oleolito e unguento, tintura madre, infuso e decotto, pillole fai da te, etc.

    Il Corso è sia teorico che pratico: Cecilia ti farà vedere come si realizzano le trasformazioni fitoterapiche così potrai rifarle a casa, nella tua cucina.

    Indispensabile la prenotazione via mail info@pikniq.com tramite sms/Whatsapp 3477523337.
    Il corso si effettuerà al raggiungimento del numero minimo di partecipanti.
    Costo a partecipante: Euro 60,00 (compresa dispensa in .pdf rilasciata al termine del corso con erbario e ricette).
    Welcome buffet vegetariano e vegano con erbe selvatiche gentilmente offerto da Pikniq.
    Merenda pomeridiana veg & vegan con dolci, snack e bevande a base di erbe selvatiche Euro 5,00 pro capite (consumazione non obbligatoria).

    ***

    Cecilia Lattari è erborista, laureata all’università di Bologna, ed attrice, diplomata alla Scuola di Teatro Alessandra Galante Garrone. Parla con le piante (e a volte le rispondono) e non esce mai di casa senza un mazzo di Tarocchi in borsa. Vive sulle montagne pistoiesi con il suo uomo, tre cani e un orto disordinato. È alchimista del benessere, il suo sito è www.cecilialattari.com

    Photo credits Lucrezia Senserini

  • pikniq
  • Wild&More – la prima linea di snack e biscotti con cibo selvatico

    Wild&More - Pikniq - snack cibo selvatico

    Pikniq è lieta di presentare la prima linea al mondo di snack, cracker, biscotti e dolci a base di cibo selvatico: in ogni prodotto è presente almeno una tipologia di cibo selvatico, quindi erbe, bacche, radici, tuberi, alghe, etc., naturalmente biologico, rigorosamente raccolto a mano.

    La nostra proposta è prettamente stagionale in caso di utilizzo di cibo selvatico fresco con diverse variazioni nel caso di utilizzo di cibo selvatico conservato diversamente, ovvero essiccato, lattofermentato, candito, etc.

    La produzione comprende una vastissima scelta a cominciare dalle farine: Pikniq utilizza farina non raffinata Spiga&Madia del circuito Slow Food, farina integrale biologica o farine alternative (farro, avena, sorgo, teff, etc.) nonché farine di nostra produzione come la polvere di spinacio selvatico, la farina di ghiande, la farina di betulla e altre.

    Inoltre Pikniq propone verdure e erbe selvatiche lattofermentate: recenti studi hanno dimostrato che la lattofermentazione, una tecnica di conservazione degli alimenti antichissima, è molto salutare e aiuta a risolvere problematiche di salute anche gravi legate alla digestione e non solo.
    Per ricevere il listino prezzi e la nostra offerta vieni a trovarci in via Dante Alighieri 39 o invia una mail a info@pikniq.com

    Ti aspettiamo!

  • pikniq
  • Wild&More – fornitura esclusiva di cibo selvatico

    Wild&More - cibo selvatico

    Pikniq è lieta di presentare Wild&More, l’offerta di cibo selvatico stagionale e naturalmente biologico per chiunque abbia voglia di sperimentare in cucina e non solo.

    Il cibo selvatico (erbe, bacche, cortecce, radici, etc.) si presta a numerose variazioni in cucina ma soprattutto è un ottimo integratore naturale di tutte quelle sostanze di cui il nostro organismo ha bisogno e che può trovare naturalmente in prodotti raccolti a mano in luoghi il più possibile incontaminati e che quindi non risentono di tutti gli svantaggi della filiera industrializzata.
    Naturalmente il cibo selvatico è rigorosamente di stagione, per cui alcune tipologie sono proposte con diverse modalità di conservazione (ad esempio l’essiccazione).

    È anche possibile ordinare verdure con cibo selvatico lattofermentato, kimchi e similari.

    Da oggi sono disponibili le seguenti varietà di cibo selvatico:

    • abete bianco (aghi freschi)
    • abete rosso (aghi freschi o essiccati)
    • acetosa (foglie fresche)
    • acetosella – dei prati, dei boschi – (foglie fresche)
    • achillea (foglie e fiori freschi o essiccati)
    • aglio orsino (foglie e semi essiccati)
    • aglio selvatico (semi essiccati)
    • alloro (foglie fresche o essiccate)
    • amaranto retroflesso (semi freschi o essiccati)
    • artemisia (foglie fresche o secche)
    • basilico violetto (foglie fresche o essiccate e fiori)
    • biancospino (foglie fresche e bacche)
    • camomilla (capolini essiccati)
    • cipresso (aghi freschi e coccole)
    • ellera terrestre (foglie fresche)
    • erba benedetta (foglie fresche, radici fresche o essiccate)
    • erba girardina (foglie fresche)
    • erba limoncina o erba luigia (foglie fresche o essiccate)
    • erba noce o pimpinella (foglie fresche)
    • erba stella (foglie fresche o semi)
    • finocchietto (foglie e gambi e semi essiccati)
    • foglie di lampone (essiccate)
    • foglie di rovo (essiccate)
    • fragola (foglie fresche)
    • galinsoga (foglie e fiori freschi)
    • kumquat (foglie fresche e frutti)
    • larice (aghi freschi)
    • lavanda (foglie e fiori essiccati)
    • limone (foglie fresche o essiccate)
    • malva (foglie fresche)
    • melissa (foglie fresche o essiccate)
    • menta acquatica (foglie fresche o essiccate)
    • menta piperita (foglie fresche o essiccate)
    • menta spicata (foglie fresche o essiccate)
    • nasturzio (foglie fresche o fiori)
    • origano maggiorana (foglie fresche o essiccate)
    • ortica (foglie o semi)
    • pepe rosa selvatico (foglie e bacche essiccate)
    • piantaggine lanceolata (foglie fresche)
    • piantaggine maggiore (foglie fresche o semi)
    • piattello (foglie fresche)
    • pino (aghi freschi o essiccati)
    • piracanta (bacche fresche)
    • portulaca (foglie fresche)
    • potentilla (foglie fresche)
    • pratolina (foglie e fiori freschi)
    • rosa (petali essiccati)
    • rosa canina (bacche fresche o essiccate)
    • salvia (foglie fresche o secche)
    • sambuco (fiori essiccati, bacche essiccate o in composta)
    • scabiosa (foglie e fiori freschi)
    • spinacio selvatico (foglie o semi)
    • stellaria (foglie fresche)
    • tarassaco (foglie fresche e radici)
    • timo serpillo (foglie fresche e fiori)
    • tradescantia (foglie e fiori freschi)
    • trifoglio pratense (foglie e fiori freschi o fiori essiccati)
    • verbena (foglie e fiori freschi)
    • viola (foglie fresche)

    Per informazioni dettagliate su costi e modalità di consegna/spedizione, nonché su modalità di utilizzo, inviare una mail a info@pikniq.com specificando un recapito telefonico.

    Vivi sano e wild!

  • eventi
  • Re-Wild* – Il corso sul cibo selvatico da Pikniq

    12509370_523769341134639_809220281412888214_n (1)

    Domenica 19 giugno dalle 10:00 alle 18:00 nuovo corso di riconoscimento e raccolta cibo selvatico Re-Wild*!!!

    Re-Wild* è il primo corso sul cibo selvatico (erbe, bacche, cortecce, radici, fiori, etc.) per principianti in cui al mattino si impara il riconoscimento sul campo e si procede alla raccolta nel rispetto delle “leggi del foraging” e della biodiversità, con un occhio attento alla stagionalità e agli habitat.
    Nel pomeriggio, si imparano le modalità di preparazione di quanto raccolto in cucina.

     
    ***
    10397_1677437529172910_1255659493250532981_n (3)
     
    Costo Euro 60,00 a persona, comprensive di erbario, dispensa in .pdf, regolare ricevuta e ricette.
    Pranzo presso Pikniq in via Dante Alighieri 39 a Monza Euro 10,00 tutto compreso (brunch veg e vegan a base di cibo selvatico, con bevande e caffè).
     
    Per informazioni dettagliate 3477523337 (anche Whatsapp) o via mail pikniq.food@gmail.com
    Prenotazione obbligatoria. Partecipanti a numero chiuso.
     
    *Re-Wild: ritorna selvaggio
  • eventi
  • Foraging in Villa – 2 giugno

    13254585_572850292893210_8441300845605496667_n

    Il prossimo 2 giugno si terrà il Giovedì del Consorzio Brianza che Nutre, che rappresenta le eccellenze enogastronomiche della Brianza, di cui fa parte anche Pikniq.
    Questo Giovedì del Consorzio sarà molto speciale e unico nel suo genere perché offrirà la visita di una splendida villa di delizia brianzola, Villa Mapelli Mozzi.

    VMM_home

    Villa Mapelli  Mozzi trae le sue origini da un antico monastero del 1500 che si pensa avesse sede nell’attuale corte rustica. Con il passare dei secoli, consistenti modifiche furono apportate alla struttura dell’edificio e, nel 1927, l’architetto Alberico Barbiano di Belgiojoso completò la ristrutturazione con interventi stilistici che accentuarono l’aspetto tardo settecentesco della Villa.
    Attualmente, essa si presenta con un corpo centrale a U verso la strada di accesso.
    Dal cortile principale si accede sia alla parte centrale della villa, composta da un’importante galleria che comunica con le sale affacciate sul parco, sia alla caratteristica corte rustica cinquecentesca.
    Il piano superiore presenta le stesse caratteristiche del pian terreno: la bella galleria dà accesso alle camere affacciate sul Parco.

    Giovedì 2 giugno alle 10:00 Eleonora Matarrese, raccoglitrice e cuciniera ideatrice di Pikniq terrà un corso base di tre ore sul cibo selvatico nei dintorni della villa, verso Cascina Rancate, luogo storico di Casatenovo (dove, tra l’altro, si trova l’Agricola Cascina Rancate che è uno dei fornitori biologici di verdura per Pikniq).
    Si potranno così conoscere le erbe, le bacche, gli alberi e tutto quanto la Natura ha da offrire in questo periodo dell’anno che si avvicina al 24 giugno, data fondamentale e “culmine” per i nostri antenati del potere terapeutico delle erbe, che in erboristeria e naturopatia è anche il periodo maggiormente balsamico per la raccolta di esse.

    villamapellimozzi_030

    A seguire, un picnic nel parco della Villa con cibo selvatico preparato per l’occasione da Pikniq: si avrà occasione di degustare focaccia pugliese lievitata 48 ore con fermentato di mela e origano montano; polpette fatte al forno senza latte, burro e uova alle erbe selvatiche miste; involtini di sfoglia di riso con erbe selvatiche lattofermentate e artemisia; brownies di cioccolato bianco, petali di fiori e pino marittimo, e il fantastico vino di fiori con infuso di mirtilli neri di montagna e abete bianco.

    villamapellimozzi_029
    Per personalizzare il menù e in caso di allergie/intolleranze inviare una mail a info@pikniq.com
    Per prenotazioni per la giornata info@villago.it
    Importo per adulti per corso e picnic Euro 28,00, per bambini Euro 10,00.
    In caso di maltempo l’evento verrà annullato.
    Si consiglia abbigliamento comodo e scarpe da ginnastica o da trekking; coperte e tovaglie per il picnic sul prato.
    Al miglior allestimento da picnic verrà offerto in premio un buono del valore di Euro 35,00 (non cumulabile con eventuali coupon o altri sconti) da spendere presso Pikniq dal martedì al sabato per asporto (no aperitivo e no catering).

    Vi aspettiamo!

     

  • alveare che dice sì
  • Alvearitivo – Alveare che dice sì Happy Ola di Besana Brianza

    103 membri, 11 produttori locali, un luogo per accoglierci ogni settimana (via Carlo Ferrario 29 – 20842 Besana in Brianza)…

    Pikniq è lieta di comunicare di aver aderito all’Alveare Besana – Happy Ola e domani martedì 17 maggio alle ore 18:30 al bar Happy Ola a Besana ci sarà l’Alvearitivo, aperitivo km zero, bio, speciale, con tutti i produttori che presenteranno le loro prelibatezze e tra loro c’è anche Pikniq!

    Da domani saranno aperte le vendite sul portale e potrete quindi prenotare la vostra prima spesa che sarà consegnata martedì 24 maggio.

    Vi aspettiamo!!!

    Screen Shot 2016-05-16 at 17.33.55